Vasco e la vangatura dell’orto in letizia

Vasco non lo sa, ma per la preparazione della terra dell’orto usa uno strumento già conosciuto ai tempi degli egizi e dei sumeri, che lo avevano rapresentato in alcune raffigurazioni.
Messa a mollo qualche giorno per far allargare il legno, controllata la barra di spinta a piede e visto che la terra è soffice come una crostata, umida, ma non molle, si leva la pesante felpa invernale, che getta sopra un muro a secco (che il sole scalda a giornata) diventando così un pregiato punto di riposo e di osservazione della sua tribù di gatti grassi e giocosi.
Una vangata, una rigirata di terra, una vangata, una rigirata di terra, una pedata al gatto che si struscia ai piedi, un’altra vangata e una rigirata di terra, un’alzata di sguardo verso la porta e la torre, verso chi arriva a trovarlo in questo luogo intenso e potente e poi lo aiuta a cercare il telefono, perso o appoggiato da qualche parte.

Questa voce è stata pubblicata in Arte e curtura, Chianti Storico, Federica, Fotografie 2022, La porta di Vertine e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...