Pieve a Pacina, rondine, pino solitario, arnia e grano

Pierre Auguste Renoir, soleva dire che: “Quando si tratta di un paesaggio, io amo quei quadri che mi fanno venir voglia di entrarci dentro per andarci a spasso”.
Oppure sovviene l’amarezza interna di un delicato amore riposto alle radici del grano d’inverno, negli aghi di un pino solitario, in una lacrima di maggio che riga il volto, i campi, le vene e le sorgenti della vita come un’ustione permanente.
Silenzio, viso nel vento, sguardo alle crete da un lato, al bosco e alla vigna dall’altro, in mezzo ventricolo di pasticciotto della Berardenga.

Questa voce è stata pubblicata in Arte e curtura, Berardenga, Federica, Fotografie 2021 e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...