La semina del favino da sovescio

Nella ragione di un filare si e uno saltato, a mano, o con l’ausilio dello spandiconcime, il seme nero che sembra un fagiolo cubano, del favino da sovescio è stato lasciato sul terreno in una quantità che varia dagli ottanta chili al quintale ad ettaro e subito dopo interrato, prima che uno strormo di ghiandaie o di cornacchie riempisse la madia per l’inverno.

Questa voce è stata pubblicata in Arte e curtura, Chianti Storico, Federica, Fotografie 2021, La porta di Vertine e contrassegnata con , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...