Istanza per Gaiole in Chianti Storico

il-gallo-di-fabio-zacchei-foto-di-andrea-pagliantini

Occorre riattizzare le braci della memoria, altrimenti, nel particolare periodo stiamo vivendo, si fa celeri a derubricare la questione fuori momento e fuori contesto.
Era il 2018 quando naufragò l’idea di unificare i comuni del Chianti (Radda, Gaiole, Castellina) in un’unica entità amministrativa, che ricalcasse i confini storici e geografici di ciò che il Chianti realmente è stato.
Immediatamente, per marcare la connotazione storica da un idronimo o toponimo che è finito per straboccare a corredo di quasi ogni dove e angolo della Toscana, iniziò una raccolta firme per portare all’ordine del giorno della Regione un’istanza che comprendesse la definizione di “Gaiole in Chianti Storico”.
I tempi burocratici, le vicissitudini quotidiane, la speranza di veder naufragare alle elezioni la serie di amministratori che immediatamente sposarono la causa, hanno portato a valutare in questi giorni l’istanza.
Riuscire a far capire a un inglese, un milanese, un tedesco, un russo o un australiano cosa sia e dove sia il Chianti diventa affar serio, perchè ognuno di loro o non sa niente, se non che sia un vino italiano, o ognuno ha una Macondo particolare sparsa per la Toscana, convintamente data e servita per territorio Chianti.
Già all’inizio degli anni ’60, con la fondazione della Cooperativa vinicola denominata “Chianti Geografico” con gli stemmi araldici dei comuni come marchio, sembrava una rivendicazione o un’ultima trincea a ciò che si era già sfilacciato.
Di fatto, per tornare alla questione, sull’istanza di “Gaiole in Chianti Storico”, sarà chiamata a pronunciarsi la popolazione del comune attraverso un referendum consultivo e quando le persone vengono chiamate a pronunciarsi ed esprimere il proprio parere, è sempre un gran esercizio di democrazia. Fonte: Il Cittadino.

Questa voce è stata pubblicata in Arte e curtura, Chianti Storico, Etruscany, Federica, Fotografie 2021, La porta di Vertine e contrassegnata con , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...