Sicuro che morì ai Ponticini era di Castagnoli

Con Luigi Brogi, detto “Sicuro”, quello che morì ai Ponticini, c’è poco di sicuro, se non che era nato a Castagnoli, piccola frazione del comune di Gaiole, al numero civico 19, (che ora non esiste nella nuova segnatura) ma rimane il numero civico 13, di vecchia fattura, posto sopra la scalinata della ex scuola, il che lascia pensare che casa Brogi fosse fra le successive dentro l’antica rocca.
Era nato il 25 aprile del 1866 ed è deceduto, come riportano le cronache d’epoca, al Ponte alla Sughera, poco distanti da San Giovannni a Cerreto il 18 aprile del 1923, all’età di anni 57, come scritto nel certificato di morte.
Residente nel comune di Castelnuovo Berardenga, non si riescono a trovare riscontri che avesse abitato nella frazione di San Marcellino, sempre nel comune di Gaiole, come scritto in alcuni racconti.

Un signore dell’Arbiola, aveva anche una versione differenziata del modo di dire:” Sicuro è morto ai Ponticini, e io l’ho anche conosciuto”.
Si chiamava Giangio, anche lui era originario di Castagnoli, si era alla fine degli anni ’80.

Questa voce è stata pubblicata in Arte e curtura, Berardenga, Chianti Storico, Federica, Fotografie 2021, persone e contrassegnata con , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...