Romanticamente Emilio Frati, restauratore del marmo

Enzo Carli, che passa a dirigere l’Opera del Duomo, si impunta a volere l’esperto Emilio per il restauro delle tarsie del Duomo e per tutto quello che riguarda l’ architettura marmorea.
Il Carli si reca persino al ministero di Roma, per strappare Emilio Frati all’Opificio delle Pietre Dure (dove Emilio lavora da anni) e ci riesce in una formula che è quasi un prestito: di quando in quando Emilio, dovrà stare qualche giorno a Firenze per dare un occhio quel che si compie.
Ha sgobbato e studiato duramente, ha vinto un concorso, ha restaurato opere d’arte con la passione e la semplicità di chi le cose le comprende e le conosce.
Ha il laboratorio accanto alla Stalla della Contrada della Torre, spesso è lì, inappuntabile, vestito di bianco come il marmo con cui parla e forma.
Un delitto distoglierlo dal suo lavoro, è come interrompere il corso di un’opera d’arte.

Questa voce è stata pubblicata in Arte e curtura, Federica, Fotografie 2021, persone e contrassegnata con , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...