Lo scasso per una vigna nuova

La scorsa volte, si era nel 1970, lo scasso per smuovere e spezzare lo scoglio di alberese dove poi andare a mettere a dimora le viti, venne fatto con la dinamite e poi una mega ruspa con il ripper che spaccava sotto terra il sasso che poteva.
Altri tempi, altra teconologia si è affinata, altra professionalità specializzata nello scasso e nella preparazione e messa in opera dei vigneti.
L’Agrichianti è all’avanguarda del settore e in questo momento sta rimettendo in ordine un pezzo di terreno che ha sempre dato un vino splendido da radici ben piantate nel raffinato galestrino arido nei pressi di Vertine.

A breve il livellamento, la spianatura della terra superficiale e buona tenuta da parte e la tanto attesa piantatura delle viti tradizionali e senza antani.

Questa voce è stata pubblicata in Arte e curtura, Chianti Storico, Federica, Fotografie 2021, La porta di Vertine, persone e contrassegnata con , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...