Il restauro della chiesa di San Marcellino in Colle

L’artigiano strofina con una spazzola di ferro la malta della stuccatura del campanile a vela e guarda compiaciuto l’eccellenza del lavoro svolto.
Singolare che in una chiesina sperduta fra le fusa generose della campagna, siano accaduti fatti epocali: qui venne sentenziato che le cazzottate fra i vescovi di Siena e Arezzo per il controllo del territorio, finissero con l’attribuzione di vari popoli e chiese agli aretini.

Nel 1176 avvenne la cerimonia ufficiale del passaggio dai senesi ai fiorentini del territorio del Chianti, rimasto in vigore fino all’inizio del 1800, grazie alle suddivisioni per bacini dei fiumi, durante l’occupazione francese.
L’edificio necessitava di un restauro  non di poco conto per garantirne la stabilità, quindi onore al merito di chi si sta prendendo cura di questa chiesa romanica e di una pregevole casa colonica posta di fronte.
Poco lontano, il profilo, l’opulenza di vetro e linee rette, di una cantina di edificazione piuttosto recente, segno che gli architetti disoccupati non sono mai troppi.

Questa voce è stata pubblicata in Arte e curtura, Chianti Storico, Etruscany, Fotografie 2021, italians, La Porta di..... e contrassegnata con , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...