Berardenga: comune troppo grande per palle troppo piccine

Per grazia ricevuta, la Golf occupa l”ingresso del centro storico recando disagio a chi entra e a chi esce, senza parlare delle ambulanze e nei fine settimana si concede la comodità di stare sotto la Torre senza Orologio come storicamente è d’uso.

Nella Berardenga non esiste un piano organico del traffico o della sosta, o se esiste viene totalmente ignorato dagli automobilisti e da quanti nei secoli passati lo hanno approvato e attualmente lo devono far rispettare.
Anche il medico si adegua, portando l’auto fin dentro l’ambulatorio di Piazza Citernesi, mentre i pazienti, si confermano pazienti, perchè aspettano il loro turno di visita stando in fila fuori in piazza intorno l’auto, mentre per  la farmacia è quasi impossibile alzare la saracinisca per le ruote a ridosso.
Esistono aree di sosta temporanea per brevi spese di fronte al Comune, in via Roma, al termine di Piazza Marconi, (trenta minuti), con auto che stanno ferme permanentemente a settimana, fino al mercato del giovedi, che sono sotto gli occhi di tutti.
Piazza Marconi, dopo il restauro, troppo scarna e bella (?) “Che si sciupa se ci viene fatto qualcosa”, esempio di come uno spazio pubblico possa divenire un mortorio e di fatto  possa diventare una mostra permanente di macchine, abbellita per fortuna dal genio del ferro Fabio Zacchei, con le sue panchine.
D’estate un autodromo in cui le formula uno sfrecciano e le carrozzine non si presentano per timore di mamme per i bimbi piccoli.
Via Fiorita indecente, con Piazza Pastorino Pastorini coperta dai mezzi di chi gira il paese a piedi, ma non riesce ad arrivare al parcheggio.
Via Fiorita, con arredi urbani a ruote permanenti, via Roma dall’ingresso della Villa Chigi ai Carabinieri e dulcis in fundo macchina parcheggiata sotto il palazzo denominato la nave che quasi occlude il traffico.
Poi c’è la ZTL, ma qui si va sulla fantascienza, centodieci passi dal comando della Polizia Municipale, ancora meno dal Palazzo Comunale, ma troppo in salita per arrivarci.
Ogni tanto una sfuriata dei Vigili verso chi arriva a prendere il giornale di corsa o un paio di etti di prosciutto, lasciando la macchina come la mettono tutti.
Ne ricavano solo grame figure perchè una sfuriata una tatum in un caos generale è quasi coprirsi di ridicolo perchè i problemi mai si vogliono affrontare e risolvere.

Questa voce è stata pubblicata in andrà tutto bene, Berardenga, Cartoline dalla Berardenga, Etruscany, Federica, Fotografie 2020, italians e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

5 risposte a Berardenga: comune troppo grande per palle troppo piccine

  1. alessandro ha detto:

    Tutto vero, accidenti al pd e quando l’ho votato

    "Mi piace"

  2. anna ha detto:

    Un paese come Castelnuovo ci vuole, non fosse che per il gusto di andarsene via.

    "Mi piace"

  3. barbara ha detto:

    Questo è il paese del gattopardo e per chi ci è nato e ancora meglio per chi ci vive, non c’è nessun bisogno di spiegare essendo anche un paese destinato a sparire nell’oblio.

    "Mi piace"

  4. castellano ha detto:

    Infatti la golf sotto la torre c’è e ci starà fino a domattina, con il comune che ci rimedia la solita figura che merita.

    "Mi piace"

  5. Andrea ha detto:

    Sappilo che sei stato messo nella lista nera dagli inerti e ipocriti del luogo

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...