Impostare le viti al terzo anno

Al secondo anno, le viti erano state potate poco sotto l’altezza del filo di cortina, a tal punto a foglie perse, si ottiene una vite disposta a ventaglio o candelabro, che consente al taglio di avere il tralcio giusto per qualsiasi impostazione: cordone, guyot, archetto.
Adocchiare il tralcio più robusto, più diritto, più predisposto alla piegatura e tagliare tutto il resto. E’ più facile a fare che a spiegare.

Questa voce è stata pubblicata in Arte e curtura, Chianti Storico, fare vino, Federica, Fotografie 2020, La porta di Vertine e contrassegnata con , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...