Uva in mongolfiera

Dopo un raccolto ne viene un altro ebbe a dire babbo Cervi dopo che i nazisti fucilarono i suoi sette figli tanti anni fa.
Saggezza contadina, modo di affrontare i periodi meno felici, setacciando finemente quel pochino di buono che si presenta.
Con la terra che rifiorisce e dona sangiovese, malvasia da vinsanto, colorino dalle grandi e belle foglie rosse, un poco di trebbiano dalla buccia rosa.
Quel profumo dolce, miracoloso e pungente che esce dal mosto in fermentazione.

Questa voce è stata pubblicata in Arte e curtura, Chianti Storico, Federica, Fotografie 2020, La porta di Vertine e contrassegnata con , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...