I cinghiali zappano un distributore di carburanti

Almeno in Toscana, la vera emergenza (da tanti anni) risiede nei boschi e ne esce a quattro zampe e in varia dimensione per compiere razzie nelle coltivazioni, nei giardini, nel paesaggio (ormai irremidiabilmente compromesso da ogni tipo di protezione) per la vorace presenza di cinghiali e cervidi.
I primi sono presenti sempre più vicini ai centri abitati, dando notevoli problemi agli abitanti, (come a Siena, nella zona dell’ospedale e di Scacciapensieri) mentre in provincia (ma soprattutto nel Chianti) la loro presenza, e conseguenti danneggiamenti, oltre a vari incidenti stradali, sono all’ordine del giorno.
Stavolta è toccato al giardino di un distributore di carburanti venir zappettato a dovere da una famigliola di cinghiali, giusto per farsi la bocca al boccone più prelibato: l’uva della prossima vendemmia. Fonte: Il Cittadino

Questa voce è stata pubblicata in Chianti Storico, Etruscany, Fotografie 2020, italians, La Porta di....., Porcate e contrassegnata con , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...