Odoardo Beccari, il Sandokan di Radda

odoardo-beccari da sito vignavecchia

Il titolo è un po’ forzato, essendo stato, Odoardo Beccari, un grande botanico, viaggiatore, naturalista dell’ottocento, scopritore di un tulipano di cui porta il nome Tulipa Beccariana.

Viaggiò molto, e ai giardini botanici reali, poco fuori Londra, conoscebbe Charles Darwin e le sue teorie evoluzioniste.
Malesia, Etiopia, Eritrea, Nuova Guinea, Indonesia, India, Australia, Nuova Zelanda, paesi dove condusse i suoi studi, riuscendo a mettere insieme tante schede di farfalle,conchiglie e piante, scrivendo poi saggi che destarono molto interesse.
Tornato a Firenze, per un breve periodo capitale del nuovo Regno, divenne direttore del Giardino dei Semplici e membro dell’Accademia dei Lincei.
I suoi scritti, le minuziose descrizioni dei luoghi, paesaggi, flora e fauna del Borneo, furono motivo d’ispirazione per Emilio Salgari, che dal comodo scrittoio di casa propria, girava il mondo con la fantasia grazie ai libri di Odoardo Beccari.
Sandokan, in questo è un eroe della Malesia, con un’indole chiantigiana.

Questa voce è stata pubblicata in Arte e curtura, Chianti Storico, Federica, persone e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a Odoardo Beccari, il Sandokan di Radda

  1. Pingback: Lo scaffale della memoria alla Casa del Chianti Classico | Andrea Pagliantini

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...