La svinatura della formula Ricasoli

L’ora vino, attraversa i fori dello scolapasta, si ossigena, defluisce in cassetta che pompa provvede a rammontare nel tino.
L’alcol in infusione sulle bucce di sangiovese, canaiolo e malvasia bianca produce in aria una benefica salve di freschezza.
Tolto lo sportello dalla vasca di fermentazione e vedendo in faccia la vinaccia, si avverte una macedonia di fragole e lamponi, ribes e arancia. Giaggiolo.
Rosso rubino pieno e intenso, asprino, beverino, che con un tegame di trippa, pulisce e invoglia ad andare avanti con piacere.
Il pane della vinaccia nella pressa intanto continua a sprigionare all’olfatto e al ricordo ciò che l’ardore delle stagioni e della concentrazione sulle viti tende a smarrire.

Fonte: Vinix

Questa voce è stata pubblicata in Arte e curtura, Chianti Storico, fare vino, Federica, Fotografie 2019, La porta di Vertine, persone e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...