Recinzioni della Berardenga che chianteggia

Anche la Berardenga “chianteggia”, nel senso che sono rare le vigne immuni da recinzioni per salvare i germogli e l’uva dagli attacchi dei famelici ungulati.
Un problema che si trascina da anni, mai voluto risolvere prima dall’Amministrazione Provinciale che aveva in carico il problema, poi dalla Regione, che sul tema tentenna, ma è prolissa solo di affermazioni e buoni propositi sulla carta.
Una recinzione è l’unica forma di protezione che un agricoltore può darsi per salvare il già complicato raccolto, ma è anche un’interruzione all’emozione.
Un pararsi nel mezzo a dove iniziano i filari e finisce il grano e viceversa, una gobba di collina, un orizzonte infranto e compromesso, un cielo o un verde a rete, come solo la Toscana dei tempi sa offrire. Fonti: Il Gazzettino del ChiantiIl Cittadino

Questa voce è stata pubblicata in Arte e curtura, Berardenga, Etruscany, Fotografie 2019, La Porta di..... e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...