La mostra “Una città ideale”

Dal terzo Piano della Pinacoteca Nazionale, chiusa per lavori di manutenzione dalla metà di dicembre, sono stati travasati presso il Santa Maria della Scala, i capolavori dell’arte del nord (non vento salviniano) dei maestri fiamminghi, della “Collezione Spannocchi” donati alla città di Siena nel 1835, frutto degli acquisti dei Gonzaga mantovani e degli Spannocchi Piccolomini senesi.
Tutto cominciò nel Settecento, con il matrimonio di Caterina Piccolomini di Modanella e il barone Giuseppe Spannocchi, entrambi di famiglie nobili senesi: quella che si formò con la loro unione nelle sale del palazzo Spannocchi in San Domenico, fu una collezione ampia e preziosa, ricca di testimonianze dell’arte nordica, fiamminga e tedesca.

Da ammirare il San Girolamo di Dürer datato 1514, Lucrezia, la decapitazione del Battista, attribuita a un collaboratore di Altdorfer e la Torre di Babele.

La mostra dura fino al 5 maggio

Questa voce è stata pubblicata in Arte e curtura, Federica, Fotografie 2019 e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...