Un servile quarto di bischero: non fare multe agli stranieri

vigili_urbani foto da catania live university

Per la prima volta il comune di Gaiole in Chianti si trova ad avere in organico tre vigili urbani che non hanno alcun legame o vicissitudini con il botritico andamento dei tempi.
Per la prima volta nessun eccesso di inchini, salamelecchi e passi di danza con il tutù nei confronti di potenti o ritenuti tali che abbenedicono i luoghi.
Ma ecco che, da un vulcanico e taurino intelletto ferruginoso, sortisce l’ennesimo pensiero servile per accondiscendere chi viene e chi porta contante:” evitare di fare le multe agli stranieri che vengono in vacanza e portano soldi”.

Già gli stranieri ben si adeguano al nostro ben scarso senso civico, se poi si devono sentire premiati per venire in un paese, in una località, dove tutto gli è permesso, tutto è consentito (film già visto in anni passati, basti pensare all’edilizia allegra) si corre il rischio di vedere macchine posteggiate all’interno dei bar o al fresco delle chiese, ragazzi amoreggiare nudi sulle spallette del borro oppure orinare di sotto come avviene nelle varie città d’arte o in qualsiasi altra bella realtà italica dove chi viene ha la dispensa data da una serie di quarti di bischero con la bacinella degli spiccioli sempre aperta e con una visione serva e servile come non hanno più neanche le perpetue e i don Abbondio.

Fonte: Il Cittadino

Questa voce è stata pubblicata in Accademia della Caccola, Chianti Storico, Etruscany, italians, La Porta di....., Porcate e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

5 risposte a Un servile quarto di bischero: non fare multe agli stranieri

  1. Lallo ha detto:

    Forse e’ solo il frutto di un colpo di sole, non posso credere che esistano persone con cosi’ scarso senso della misura!

    Mi piace

  2. Emanuela ha detto:

    A chi e’ venuta in mente questa cavolata?

    Mi piace

  3. Andrea Pagliantini ha detto:

    Non è importante mettere alla berlina chi ha fatto questa proposta idiota, una delle tante, che ogni tanto secerne ed espone. per accondiscendere tutte quelle entità che portano soldi o lo fanno sentir vivo a qualche party dove si ciancica di vita contadina.
    Conta semmai il fatto che quanto dice non venga ascoltato, specie per queste bischerate estive.

    Mi piace

  4. Elisabetta Viti ha detto:

    A me è capitato sotto casa,a Ravacciano ,di avere una macchina straniera parcheggiata x ben tre gg.nel posteggio dei motorini,senza che nessun vigile si sia prodigato di fare una multa,considerando anche che c’era la pulizia della strada,e a chi ha il motorino,come me,viene multato se trovato sul posto! Ho chiamato il secondo giorno,per capire come mai l’auto non era stata multata e mi è stato detto che non era possibile…che mi sbagliavo ma che avrebbero controllato…Al terzo giorno ho richiamato,sollecitando,visto anche che non potevo parcheggiare il mio motorino,visto l’ingombro dell’auto…Finalmente è stata multata.E immediatamente l’auto è poi sparita…!!!!!! Le regole devono essere rispettate da tutti.E nessuna tolleranza agli incivili! Visto anche che a me hanno fatto una multa x aver messo il motorino fuori dalle strisce, perchè un altro cretino,stavolta senese,ci aveva messo l’auto…Sono decisamente stufa…

    Mi piace

  5. Filippo P ha detto:

    Certe volte si tende a dare colpa per queste sortite al caldo estivo, invece credo che dobbiamo ringraziarlo, il caldo, che mette allo scoperto certe persone che magari son proprio cosi “rintronate” o peggio…………………..

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...