Inizia la maturazione dell’uva

Evento raro che nella seconda metà di luglio l’uva inizia a cambiar colore virando verso il bruno della maturazione, ma gli eventi bollenti del periodo anticipano quello che di norma accade nella seconda metà del mese di agosto.
Da qui a dire che sarà un’annata da ricordare per la qualità del vino della vendemmia 2017 ce ne vuole.
Il sapore di cotto dovuto all’estrema condizione climatica, come nel 2003, con le vendemmie anticipate fin dai primi di agosto, portarono alla realizzazione di vini grossolani, privi di freschezza, piacevolezza e carichi di elevata alcolicità.
Paradosso è che le vigne poste in terreni estremi e con esposizioni meno felici, con questo clima bizzarro, riescono a produrre vini di un’eleganza e piacevolezza fuori dal comune, mentre le vigne con la miglior esposizione, succubi della teorizzazione della modica quantità di uva a ceppo e di una severa selezione, spesso e volentieri diventano indigeribili.
Ideale sarebbe, per diluire, rendere fresca e piacevole la bevanda, un ritorno alla ricetta del Chianti ricasoliano con l’utilizzo in piccola percentuale dell’uva bianca: la malvasia o il tanto bistrattato trebbiano.

Questa voce è stata pubblicata in Chianti Storico, fare vino, Federica, Fotografie 2017, La porta di Vertine e contrassegnata con , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...