La tenacia della vite bucata nel tronco

Con le radici alla ricerca di qualche barlume di terra, sospesa su banchi di alberese e sul più malleabile galestro. E come se questa sofferenza non bastasse, c’è il tempo che scava rughe e varchi nel legno e questo comporta una linfa che scorre con minor costanza e vigore.

Eppure, in questa vite di sangiovese c’è tutta la tenacia del volerci essere a dispetto delle avversità del suolo e del tempo, perchè il vigore del capo e la volontà del razzolo a non cedere, si vedono dalle forza delle lacrime che sgorgano dai tagli di potatura e dalla grazia con cui questa vite cuce i suoi grappoli spargoli di quella geniale carogna del sangiovese.

Questa voce è stata pubblicata in Arte e curtura, Chianti Storico, fare vino, Federica, Fotografie 2017, La porta di Vertine, persone e contrassegnata con , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...