Una carezza di neve fina

Uccelli e scoiattoli non avevano fermezza, intenti ad accaparrarsi i granelli di sale sparsi sulla strada dai mezzi antineve del comune.

L’euforia che precede i grandi eventi, o forse la paura di trovare le poche risorse di cibo che concede la stagione coperte da un manto di neve che per giorni avrebbe impedito la loro pur scarna alimentazione.

E’ solo una carezza di neve che la notte si è gelata addosso a dove il caso l’aveva appoggiata, le piante lacrimano e si asciugano sperando che la tenaglia del gelo non abbia prodotto danni a piante delicate come gli ulivi.
E’ un freddo piccante che disinfetta, protegge, fa rifiatare le gente della campagna.

Questa voce è stata pubblicata in campino e olio, Chianti Storico, Federica, Fotografie 2017, La porta di Vertine, persone e contrassegnata con , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...