La fioritura di un ciliegio selvatico

“Vorrei fare con te quello che la primavera fa con i ciliegi” diceva Pablo Neruda, ma nessuno si è mai premurato di chiedergli cosa volesse dire o se questa frase gli fosse stata suggerita dall’architetto Rambaldo Melandri in una delle sue tante sbornie donnaiole.

Di fatto, il ciliegio selvatico parte con la fioritura in ritardo, si riempe di un ronzare di api nel bianco e le ciliegie vanno mangiate quando sono mature bene perchè sennò fanno cacare.

Questa voce è stata pubblicata in Chianti Storico, Federica, Fotografie 2016, La porta di Vertine. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...