Il bostrico della vite, trapanatore del legno

Il danno che questi coleotteri producono nella vite è determinato dalle numerose gallerie che scavano nei tralci a frutto dell’anno successivo, che nel momento della piegatura si rompono ed offrono anche un veicolo di infezione come il mal dell’esca o il colpo di sole.

Il bostrico allo stato adulto sverna nelle gallerie di parti morti della vite o di piante ad esse vicino, uscendo in primavera per andare alla ricerca di legno deperito o vegetazione morta su cui deporre le uova.

Vivendo all’interno del legno non si possono colpire con trattamenti, ma per combatterli serve l’arguzia: basta lasciare sul terreno dei mazzi di tralci di vite secchi per favorirvi la deposizione delle uova e poi fra maggio e giugno è necessario rimuovere questi mazzi e bruciarli per debellare la presenza di questo insetto nel vigneto.

Questa voce è stata pubblicata in Chianti Storico, fare vino, Fotografie 2016, La porta di Vertine e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...