I rizzaculi e il formicolone del sangiovese

Il tronco delle viti anziane va sempre ridotto e limato nel legno in eccesso, dove, fra i tagli vecchi, si insinuano tanti animaletti ostici alla vite, fra cui il bostrico, grande scavatore di cunicoli e gallerie, il formicolone e i rizzaculi, che con la loro operosa opera di scavo, fanno del legno una massa morbida dove la linfa si insabbia e non scorre.
Nelle viti, l’opera di taglio e potatura, comporta il rinnovo del materiale vivo e il mettere a nudo quei cunicoli, quei nidi, che esposti alle intemperie, o meglio al sano freddo che si è appena sentito, disinfetta e pulisce, linitando le malattie e la perdita delle piante.

Questa voce è stata pubblicata in Arte e curtura, Chianti Storico, fare vino, Fotografie 2018, La porta di Vertine e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...