La coccinella nella vigna

Il frastuono secco delle forbici sui tralci, il fruscio degli stessi per estrarli dalle gabbie che li conducono e il suono vibrante che si tramanda sui fili di ferro, armonia del sangiovese che si rinnova perdendo i capi a frutto dell’anno precedente.

Le coccinelle che nelle viti addormentate vivono e si drusciano in quei tiepidi e insoliti raggi di sole dove costantemente si dondolano, beate di questo silenzio o del solfeggio dei tralci sui fili in quel fare vino che si rinnova di anno in anno nonostante i dolori delle stagioni si intersecano con la vita, le forbici e le bottiglie.

Questa voce è stata pubblicata in Arte e curtura, Chianti Storico, fare vino, Federica, Fotografie 2016, La porta di Vertine e contrassegnata con , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...