Svinatura tardiva e calorica

Quando l’uva è sana non c’è furia di separare il vino dalle bucce, avendo cura, una volta al giorno, di bagnare il cappello con un secchio di vino per tenerlo morbido.

Niente esalta il sangiovese quanto un’acidità volatile appena sopra le righe invece dei piattoni neutri propinati per anni da varie scarpe a punta che iniettavano mannoproteine.
La separazione dell’uva dal vino avviene a quaranta giorni dalla vendemmia, a vino freddo, limpido, spogliato e carico di profumi floreali di viola e di scorza d’arancio che accanto a una padellata di castagne sul fuoco e a un veloce pollo e peperoni, minaccia di accompagnare dannatamente bene il pasto dopo una giornata faticosa.

Questa voce è stata pubblicata in Arte e curtura, Chianti Storico, fare vino, Federica, Fotografie 2015, La porta di Vertine e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...