Adine, comune di Gaiole in Chianti: l’annientamento di una collina per riempirla di cemento

Sul territorio non mancano le strutture in disuso e da recuperare avendo una ex zona industriale che casca a pezzi e la sede dell’ Istituto Sperimentale per l’Enologia o la ex sede del Consorzio Agrario che si potrebbero riconvertire ad altri usi prima che diventino nuove forme di archeologia industriale.
Occorre riconsumare terra per dare fiato ad altre speculazioni edilizie, (nel qual caso annientare una collina visibile da ovunque in località Adine) per costruire una cantina fuori da ogni centro di comunicazione e irraggiungibile con articolati, distruggendo la fisionomia intatta di una zona che ha solo da perdere dalla devastazione compiuta da soggetti, quali la Negri Vigneti srl, che, nel proprio sito aziendale dichiara di essere ” biologica sostenitrice del paesaggio e rigeneratori dell’ambiente…..“.

Che senso ha progettare un Piano Paesaggistico Regionale (PIT) che serve a tutelare un paesaggio unico al mondo come quello del Chianti e della Toscana, se poi si permette di recintare vigneti con un’oscena rete elettro saldata di tondino rugginoso e spianare colline per ricoprirle di cemento?

Artico apparso anche su Il Cittadino on line

Questa voce è stata pubblicata in Chianti Storico, Etruscany, Fotografie 2015, italians, La Porta di....., svinato e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

0 risposte a Adine, comune di Gaiole in Chianti: l’annientamento di una collina per riempirla di cemento

  1. mario ha detto:

    Il PD dovrebbe pensare come mai vince le elezioni anche se perde ogni volta un sacco di voti……

    Mi piace

  2. carla ha detto:

    Sono un’appassionata di vino e come tale giro per cantine e ora, dopo aver letto questo articolo e aver visto tante strutture faraoniche mi chiedo se per fare il vino buono serve la cantina piena di effetti speciali che giustifichi l’annientamento di una collina…

    Mi piace

  3. Valerio ha detto:

    Chiantigiani, ma non vi viene in mente che queste ferite al paesaggio saranno la fine del turismo e finiscono solo per svilire i luoghi rendendoli finti?

    Mi piace

  4. Francesco Sarri ha detto:

    Una bella metafora dell’Italia, da portare all’Expo.
    A parole un bello show sul paesaggio e sull’enogastronomia … nei fatti poi succede quello che che hai segnalato

    Mi piace

  5. Lallo ha detto:

    Ma non sono quelli che appena arrivarono violentarono una casa colonica, un uliveto, delle piante antiche senza chiedere tanti permessi, riuscirono a bruciare una vigna in affitto a San Gusmè trinciando l’erba secca di luglio, hanno abbattuto diversi abusi edilizi e non per ultimo volevano ulteriormente violentare a piacimento tutta la zona di Vertine?
    Sono loro?

    Mi piace

  6. Lallo ha detto:

    ….. dimenticavo di dire che se sono loro, nel mondo del vino fanno schiantare dal ridere, ma è anche vero che sono viscidi e pavidi, quindi te Pagliantini che hai scritto il pezzo (immagino come sempre lettissimo) aspettati di ricevere in cambio ritorsioni o minacce.

    Mi piace

  7. Laura ha detto:

    Vorrei dire tante cose, ma mi limito per decenza a dirne due sole: fanno schifo!!!!
    Ecco il vero volto della Toscana.

    Mi piace

  8. Claudio ha detto:

    Immagino che la recinzione a tondino di ferro rugginoso sia solo momentanea e limitata all’area del cantiere…..

    Mi piace

  9. Daniela ha detto:

    Serviva una mostruosità di questo tipo per farti scrivere comune di Gaiole invece che di Sotto Vertine 🙂

    Mi piace

  10. Andrea Pagliantini ha detto:

    @ mario

    Se il PD perde voti, non ci perdo il sonno la notte, in quanto, molti dei kolossal e scempi edilizi partono dalle loro menti sopraffine ed è meglio non aggiunga altro…

    @ Carla

    frase fatta e sciapa quanto ti pare, ma per fare il vino buono fa più comodo l’uva sana
    che una cantina antanistica e con le scarpe a punta

    @ Lallo

    Sempre loro sono, chi altri!!!! Comunque i tempi sono cambiati e non proferiscono più minacce fisiche e verbali a chi non è consono al loro delirante scempio del mondo, si sono parecchio accucciati pur essendo dei bischeri portentosi che non mancano mai di prefessarlo.

    @ Claudio

    la recinzione a pannelli di tondino rugginoso di ferro non si limita momentaneamente all’area del cantiere, ma abbracci costantemente da anni il perimetro di diversi ettari di vigna. Recinzione che, stando ai regolamenti non è prima di tutto elegante, poi per niente consona a leggi e regolamenti….. nessuno può dire ora che non sa la situazione in quel luogo…..

    @ Daniela

    questa è una ferita dolorante a un territorio che non si merita altri sfregi del genere e sotto dolore si possono anche dire cose ai limiti…. ma il comune rimane sempre quello di Sotto Vertine, sennò nessuno capisce dove ci troviamo

    Mi piace

  11. an ha detto:

    Sono stanca di indignarmi per abusivismi di ogni genere e grandezza e non vederli mai abbattuti.

    Mi piace

  12. Ric ha detto:

    Stiamo attenzionando l’interessante cantiere e le sue procedure….. non ci piacciono le colline spianate e riempite di cemento da chi è ben conosciuto per il modo di agire… diciamo ai limiti.

    Mi piace

  13. an ha detto:

    Ma il comune di Gaiole in Chianti, per mezzo dei nuovi amministratori non era improvvisamente diventato anti devastazione paesaggistica delle proprie colline?
    Ma cosa sta succedendo?

    Mi piace

  14. Cinzia ha detto:

    Per allargare appena una finestrina del bagno la soprintendenza dice NO, per annullare una collina e riempirla di cemento la stessa dice SI.

    Mi piace

  15. marino ha detto:

    Mica sono foto reali? Si tratta di fotomontaggi!!!!!!!!

    Mi piace

  16. simone ha detto:

    Quei bischeri hanno dieci viti, mi chiedo come mai debbano devastere una collina per fare qualche damigiana di vino…

    Mi piace

  17. Paola ha detto:

    Questa gente da quando è arrivata non ha mai perso occasione per coprirsi di ridicolo o per fare danni verso il prossimo o l’ambiente che li ospita…… speriamo vendano e se ne vadano tutti alla svelta.

    Mi piace

  18. Pingback: In Chiantisette parla dell’annientamento della collina di Adine in Chianti per realizzare appartamenti e cantina | Andrea Pagliantini

  19. angelica rago ha detto:

    Propongo le barriere umane a difesa della vita della collina.Angelica

    Mi piace

  20. Andrea Pagliantini ha detto:

    Ciao Angelica, dubito fortemente che ci siano martiri pronti ad immolarsi sotto le ruspe di quei bischeri che hanno commissionato lo spianamento della collina, ma è altresi vero che sono tante le persone che hanno pubblicamente manifestato la loro opinione su quell’obbrobrio dopo che hanno visto queste immagini qui sul blog o su organi di stampa locale e nazionale….

    Mi piace

  21. Pingback: InChiantisette parla dello scheletro di cantina sulla collina di Adine in Chianti | Andrea Pagliantini

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...