Una panchina fatta con pezzi di galestro e d’alberese punto di ristoro per la vista

L’ultima onda di rosso s’infrange nella commettitura di due poggi che visti da lontano sembrano un culo graffiato da un gatto o la vergogna per l’astinenza da pulizia che attraversa le giunture delle ultime cellule rimaste non ancora disoneste.
Stando bassi si scopre che si tratta solo di quattro pezzi di canna piantati in terra che fanno da progetto a sassi d’alberese ripieni di galestro che messi insieme rivolti verso un ampio orizzonte diventano un punto di ristoro e di accoglienza per la vista.

Questa voce è stata pubblicata in Arte e curtura, campino e olio, Chianti Storico, Federica, Fotografie 2015, La porta di Vertine e contrassegnata con , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

0 risposte a Una panchina fatta con pezzi di galestro e d’alberese punto di ristoro per la vista

  1. Monica ha detto:

    Di un animo sensibile come pochi ce ne sono.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...