Il cuore che trama nel cielo in una stanza

Segnali di autunno infuocato di raggi e sapori gironzolando negli spicchi di mondo che promettono zuccheri saranno alcol nell’uva sfogliata ai bagni di sole.

Lingue di fungo che spuntano dove i belli spesso non corrispondono ai  buoni con fine nell’olio bollente e quell’istante tenero e persistente al canto del gallo, il giorno che nasce, intima percezione e carezza di bellezza, manifestazione e presenza del cuore che batte nella scatola toracica di ogni mattina con gli occhiali che si chiama esserci piccina.

Questa voce è stata pubblicata in Federica, fotografie 2014, La porta di Vertine e contrassegnata con , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...