Palio 2 luglio 2013: Oca

Entrata fiancata, la prima mossa annullata era valida e la storia avrebbe avuto un destino diversamente tinteggiato.

E le nerbate fra fantini di contrade rivali sono petali di rosa in confronto alle nerbate della giostra che riserva l’andare.

Lacrime, sorrisi, gioie, dolori nella ricerca eterna della bellezza. Questo il Palio, questo il vivere.
Finire sotto una pergola fra i crostini e i maccheroni, l’ottimo vino fermentato della vigna di Caterina Carli, le storie, le burlonate, gli aneddoti, la soppressata alle spezie di panforte, i matti del manicomio portati in libera uscita, il fratello (lavora a RAI Storia) di Lucianino Perozzi, le ciliegie rubate a Castiglion Fiorentino, una rossa cremisi, un petalo salentino, un’enogastrogiardiniera, un brucaiolo aggiusta gatti, una minuta delicata cuoca fiorentina, una guida che ciaccica le acquasantiere del duomo, un medico dei matti, alcuni padani, preti e monache allo stato brado, finanzieri sui tetti per evitare che dirigenti del monte vengano buttati di sotto.
Ha vinto l’Oca, ma questo è un dettaglio.

Questa voce è stata pubblicata in Arte e curtura, Federica, Fotografie 2013, Palio e contrassegnata con , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

0 risposte a Palio 2 luglio 2013: Oca

  1. vita ha detto:

    serata indimenticabile, hai vinto l’oca, ma questo è un dettaglio!!

    "Mi piace"

  2. vita ha detto:

    bello quello vestito di bordò…..chi è?

    "Mi piace"

  3. Andrea Pagliantini ha detto:

    Se non erro, il ragazzo vestito di bordò dovrebbe essere il pizzaiolo di Ravacciano.
    E’ uso anche fare le pizze e stare al forno in calzamaglia attillata.

    "Mi piace"

  4. Rossano ha detto:

    Una parola sola… Grazie… di tutto a Vita, Bruno, Alessandro, Andrea e tutti gli altri che sono riusci a farmi passare 3 ore degne di nota!

    "Mi piace"

  5. Francesca ha detto:

    Andrea……… grazie per le emozioni sai regalare.

    "Mi piace"

  6. Andrea Pagliantini ha detto:

    Si vince, si perde, si piglia nel culo, si sente male, si piange, si sorride, si riparte.
    Così nel Palio, così a maggior ragione nella vita.
    E poi c’è agosto con il cremisi in piazza e si riparte.

    "Mi piace"

  7. Dario ha detto:

    Ecco Andrea, nelle tue parole qua sopra mi ci ritrovo in pieno. Tu puoi comprenderlo davvero.
    Voglio ringraziare pubblicamente Vita per il gentile invito, alla senese, e scusarmi con lei per non aver potuto raccoglierlo.
    Diciamo che la corrente degli eventi ci ha portato altrove. Ma ci sta che giri.
    Dario

    "Mi piace"

  8. Andrea Pagliantini ha detto:

    Si, ho un vasto repertorio di come si senta poco bene a prenderlo dietro malvolentieri e senza anestesia….. per non scendere in altre vicende piuttosto gineprose e dolorose.
    Come vedere un cavallo e un fantino fare con slancio e passione quasi tre giri di piazza e vederli volare in terra a pochi colonnini dal bandierino superati dalla vita che avanza e prende il sopravvento sull’armonia e il sorriso donato da quel galoppo per quasi tre giri.
    Un poco di cremisi ad agosto non farebbe male, ma anche la Lupa meriterebbe.

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...