Nuvole passeggere

Sembrano batuffoli di zucchero filato appoggiati per aria deformabili e stirabili dal vento che li allunga e ributola come un gatto dentro una matassa di lana.

Oppure metafora quotidiana di piccoli imprevisti e problemi che, quando si compattano, danno luogo ad ampi temporali o lunghe grandinate alle quali, solo una sensibile corazza può fare da ombrello o parafulmini.

Oppure bisogna tentare la fortuna.

Questa voce è stata pubblicata in fotografie 2012, Tema libero. Contrassegna il permalink.

0 risposte a Nuvole passeggere

  1. Sembra il “cappotto” dell’Onda, proprio oggi che è la Festa Titolare della Torre 😉

    Mi piace

  2. Andrea Pagliantini ha detto:

    Giuro che ai colori dell’Onda non ci avevo minimamente pensato.
    Nuvole prese a sinonimo di pensieri e di un poco di mal di gambe che va e che viene.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...