I limoni in vaso di Eugenio Montale

Il giallo dei limoni che si mostra da un malchiuso portone, sfacendo il gelo del cuore e facendo suonare le trombe della solarità.

Più o meno parole di una celeberrima poesia di Eugenio Montale, dedicata a quella nobile pianta, il cui solo toccarla, riempie di sua fragranza le mani.

E non c’era villa padronale o nobile (almeno in Toscana) che non avesse una struttura in muratura per riparare i vasi dei limoni o degli agrumi durante i freddi invernali.
E non vi era modo diverso di conservare l’olio, gli orci per i caci, le radici dei limoni, prima di arrivare a mettere il vino nelle conche, per oliare un po’ di chiacchiera.

Questa voce è stata pubblicata in Arte e curtura, Chianti Storico, Federica, Fotografie 2022, La porta di Vertine e contrassegnata con , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...