Il pinot nero di Parabuio

A differenza dei suoi connazionali, il Pinot nero, si adatta al luogo in cui posa le barbe e lo amplifica o umilia a seconda di suolo e di clima.
Nel galestrino tritato misto poca terra e nel fresco clima del Borro di Parabuio, sono tante le aspettative verso questi grappoli in fermentazione, che riempiono l’aria di un  misto di carbonica, di fragoline di bosco e di lamponi. Lenta fermentazione, bassa temperatura, poco colore scaricato dalle bucce.

Questa voce è stata pubblicata in Arte e curtura, Chianti Storico, fare vino, Federica, Fotografie 2020, La porta di Vertine e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...