Il cinghiale che distrugge i muretti a secco del Chianti

L’arte dei muretti a secco nella lista degli elementi immateriali dichiarati Patrimonio dell’Umanità dell’Unesco, elementi caratteristici del paesaggio collinare da secoli, che hanno contribuito alla coltivazione e regimentazione dall’erosione del suolo da parte delle acque, già considerati nel Catasto Leopoldino, per quanto riguarda la Toscana.

Elementi paesaggistici divelti nella costruzione dei vigneti intensivi negli anni ’70, i cui pochi esemplari rimasti necessitano di costanti cure e manutenzioni contro le intemperie e il tempo, ma il lavoro di demolizione più preciso e costante di questi manufatti storici è svolto da una categoria di animali specializzati allo scopo: i cinghiali.

Nelle immagini, il lavoro minuzioso di demolizione di un muretto che prima c’era, da parte di un cinghiale in cerca di noccioli di ciliegia.

Questa voce è stata pubblicata in Arte e curtura, Chianti Storico, Etruscany, Fotografie 2020, italians, La Porta di....., Porcate e contrassegnata con , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...