Le pozze di Lecchi

Le limpide e gelide acque del torrente Mulinaccio che di rado vede il sole, prima di buttarsi nel Massellone all’altezza dell’Osteria della Passera.
Vasche naturali di refrigerio estivo, che raccoglievano la gioventù locale, insieme a quanti avevano casa e venivano in vacanza in un Chianti meno patinato e sicuramente con meno piscine private a disposizione, dove passare la giornata.

Carovane di motorini e vespe con asciugamani a bandoliera, nella sicurezza di un tuffo, nella speranza di un bacio, nella certezza di un po’ di fresco all’ombra.

Questa voce è stata pubblicata in Arte e curtura, Chianti Storico, Federica, Fotografie 2020 e contrassegnata con , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...