La colza sentimentale di Pacina

Il paesaggio che emotivamente è dentro ognuno di noi, il sogno idilliaco di qualcosa di bello, unico, inarrivabile, che invece c’è.
Un anello di tre chilometri intorno a un ex convento di suore scandito da un’armonia cardiologica che pare una trina.
La colza, gialla appariscente, la vena secca a bordo strada, le rondini, in una gara contro il tempo a impastare la terra intorno alle pozzanghere per la costruzione o riparazione dei nidi, camminatori solitari in contemplazione permenente, cipressi dove serve, dove creano oasi di riferimento e di riposo, ragni felici, galline, pace.
Sognare a occhi aperti, qui è ancora possibile. Fonte: Il Gazzettino del Chianti

Questa voce è stata pubblicata in Arte e curtura, Berardenga, Federica, Fotografie 2020 e contrassegnata con , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...