Radigrafia di un moro gelso

Momento di potarlo a zero se si vuole frasca fresca, momento di lasciarlo in pace se invece si vogliono ottenere  more per sciroppi, granite o un semplice antinfiammatorio naturale, sempre che si riesca a cogliere i frutti prima che daini e cinghiali li rapinino e se ne cibino.

Da pianta fondamentale nell’economia della famiglia agricola per foglia da animali e da bachi da seta, a pianta poco più che ornamentale quando resiste alla cipressizzazione fitta della finta, vera Toscana.

Questa voce è stata pubblicata in Arte e curtura, Chianti Storico, Etruscany, Federica, Fotografie 2019, La porta di Vertine e contrassegnata con , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...