Un Pisello arancione a Cortona

Una vela arancione che piglia le forme di un giubbotto, a coprire un signore che annaspa allo sportello di un contatore che non ha tanta voglia di aprirsi, nonostante l’impeto e il suono fragoroso di poesie al signore.
Un accento con una calata che suona, un già sentito dire, con un rapido sfogliare nella lista di giornate passate, come spesso a chiunque accade.

Da sotto il castello di Meleto, alle decine di calzoni sdruciti per l’attrito con il breccino, che è uno scivolare da vespa nei percorsi più miti, e anche in quelli arditi.
Non c’è peggio cosa che avere a che fare con l’acqua, per chi è nato circondato dalle vigne.

Questa voce è stata pubblicata in Arte e curtura, Chianti Storico, Federica, Fotografie 2019, persone e contrassegnata con , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...