Infiltrazioni d’acqua nella chiesa di Santa Maria alla Villa a Sesta

Secondo il professor Mario Ascheri, la Madonna di Jacopo della Quercia, contenuta nella chiesa di Santa Maria alla Villa a Sesta, è uno dei più importanti oggetti d’arte che ci siano nella zona.
Racchiusa in una nicchia, nel lato sinistro, dalla stessa parte in cui nella volta poco prima dell’altare, si notano due evidenti chiazze d’umido che decompongono l’intonaco.
Per il momento, la Madonna non ha necessità di reggere il bambino con una mano e con l’altra tenere un ombrello, ma a sentire chi se ne intende, questa umidità è dovuta alla non pulizia delle grondaie, piene di foglie e di immancabile guano, con la pioggia che non si incanale come deve, ma ristagna sul tetto.
Territorio senese, ma diocesi di Arezzo, per via delle cazzottate fra vescovi per accrescere il proprio territorio negli anni intorno al mille, umile lavoro di manutenzione che può essere svolta da un qualsiasi muratore con qualche metro di ponteggio.
Fonti: Il Gazzettino del ChiantiIl Cittadino

Questa voce è stata pubblicata in Arte e curtura, Berardenga, Etruscany, Federica, Fotografie 2019 e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...