Il sabato della Coppe

coop foto da caffeina magazine

“Questo di sette è il più gradito giorno, pien di speme e di gioia , è un giorno d’allegrezza pieno, giorno chiaro, sereno”.
Il sabato del villaggio, scritto da Giacomo Leopardi nel suo ultimo periodo a Recanati, nel 1829, dove descrive un sabato sera in attesa della gioia della festa e della delusione per non avere mai un piacere raggiungibile.
Errore del poeta, questo piacere è stato raggiunto: la “Coppe” del sabato sera piena di luci, banchi, donnine, pandori, dadi e ossibuchi in offerta.
Passarci le giornate, far finta di aver fretta, riempire il carrello di ogni inutile cosa, iniziare con il rito mattutino del lavaggio e della pulizia interna della macchina, sbattere i tappetini e mettere l’alberino profumato.
Pettinarsi bene, vestito buono, raccattare la famiglia, perdersi in quel mare di carrelli per riempirli di acqua, croccantini del gatto e lettiere, dame di olio a tre euri al litro.
Starci fino a buio, passeggiando fra una barca di pandori e una piramide di Aperol.
Com’è dolce naufragar in questo mare, con la tessera dei soci.

Questa voce è stata pubblicata in Etruscany, italians, La Porta di..... e contrassegnata con , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...