Le sibille, le donne più fotografate di Siena

Sono signore neanche tanto giovani dato che la loro commissione risale alla fine del 1400, volute dal rettore Alberto Alberighi.
Vergini dotate di virtù profetiche, giunte dagli angoli più remoti del mondo conosciuto in quell’epoca: ioniche, italiche e orientali.

Realizzate in tarsia marmorea da raffinati maestri quali Benvenuto di Giovanni, Neroccio di Bartolomeo de’ Landi, Matteo di Giovanni, Guidoccio Cozzarelli, la cui via intitolata poco fuori Porta Pispini, è un ottimo punto dove lasciare la macchina per poter entrare a piedi in città.

Questa voce è stata pubblicata in Arte e curtura, Federica, Fotografie 2018 e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...