Incontri ravvicinati fra un cinghiale e una porcellina

cinghiale-e-porcellino

In una vigna chiantigiana da cui si estrae un maestoso vino pregiato, recintata, anzi, è il caso di dire blindata con doppie reti metalliche per impedire l’accesso a bande piratesche di famelici ungulati, vive (quando non c’è uva) una tenera porcellina rosa che raspa e ributula la terra, tenendo pulito l’interfilare.
All’interno di questa grande gabbia, la virtù della porcellina dovrebbe essere ben protetta, ma gli ormoni di un gran bel cinghialotto impazzano e sempre l’ormone aguzza l’ingegno nel forare la rete per cogliere il bel frutto che per una volta non è uva.

Se i prossimi nascituri avranno il pelo nero come i baffi stanno sul tronco delle palme, il cinghiale nella foto ne sarà sicuramente il babbo.

Questa voce è stata pubblicata in Chianti Storico, Etruscany, La porta di Vertine e contrassegnata con , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...