Seduta su una nuvola ottanio

E ricordati, io ci sarò. Ci sarò su nell’aria. Allora ogni tanto, se mi vuoi parlare, mettiti da una parte, chiudi gli occhi e cercami. Ci si parla. Ma non nel linguaggio delle parole. Nel silenzio.

In quei passi brevi, in punta di lacrima, avvolta da strati di sciarpe, con un giubbotto abbottonato nei particolari, guscio di tanti istanti che poi uniti dal tempo si incendiano.  Rosa di finissimi sorrisi.

Questa voce è stata pubblicata in campino e olio, Chianti Storico, Federica, Fotografie 2016, La porta di Vertine e contrassegnata con , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...