Il vino bianco di malvasia e sangiovese

Tempo di vendemmia e della realizzazione dei vini che saranno sulle tavole già nei prossimi mesi o negli anni a venire, come lo saranno i grandi rossi,che quest’anno si preannunciano carichi di beva e profumi con queste calde giornate rinfrescate dalla notte.
La freschezza della malvasia e il carattere sodo, ispido e pungente del sangiovese, sia pur vinificato in bianco, come in questo caso, nelle propoporzioni, nei tempi e nei modi che sono un piccolo segreto di esperienze maturate, amore, gioia infinita di reinventare cose già fatte, già, vissute, degustate in tempi in cui il vino era solo un piacere per chi lo faceva e per chi lo beveva senza tanto uncinetto intorno.

Questa voce è stata pubblicata in Arte e curtura, Chianti Storico, fare vino, Federica, Fotografie 2016, La porta di Vertine e contrassegnata con , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a Il vino bianco di malvasia e sangiovese

  1. Pingback: Cantina La Selva: sangiovese vinificato in bianco 2015 | Andrea Pagliantini

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...