Il Parco dell’Uccellina

Ad Alberese si fa il biglietto di ingresso al Parco (10 €) e si aspetta l’arrivo della navetta che conduce all’interno dell’area protetta dentro la quale, recitano i cartelli, oltre al buon gusto di non lasciare rifiuti in giro si aggiunge di non lasciare residui alimentari per i cinghiali che potrebbero causare loro delle malattie.

Dal punto di arrivo della navetta partono quattro sentieri di varia lunghezza e di vario impegno fisico. Uno dei più belli e neanche tanto impegnativo è quello che porta a due torri di avvistamento a picco sul mare.
Sotto di una torre arriva l’Ombrone che si getta nel Tirreno, una distesa verde attraversata da un corso d’acqua dolce che improvvisamente si apre nel sale.

Una terra rossa, un punto panoramico, degli ulivi secolari carichi di frutti che rapiscono lo sguardo per la mole e per la loro lungimirante bellezza.

La macchia da attraversare e la spiaggia più avanti, dove è doveroso non uscire dai sentieri segnalati per non intaccare l’habitat di un insetto che si riproduce sotto la sabbia.

Una postazione di cemento armato piazzata per proteggere la costa da eventuali sbarchi nella seconda guerra, le due totti, una intatta e fisicamente zoppa, l’altra restaurata in qualche modo e con una lunga scala di accesso che fa impressione…. ma vista dal retro diventa piacevole.
E tanti legni portati dal mare, arenati come sogni infranti sulla battigia insieme ad un fresco flacone di ammorbidente lanciato in mare da qualche deficente.

Questa voce è stata pubblicata in Arte e curtura, Federica, Fotografie 2016 e contrassegnata con , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...