La fisarmonica di Giannetto sotto le stelle degli ulivi di Vertine

Una passeggiata fra le parti più intime del Chianti traversando vigne e sentieri di bosco che conducono a San Piero in Avenano, dove il tempo non passa e ha sedimentato ciò che un territorio in tanta parte non è più, rileccato di antani.
Muretti, mura sbrecciate, buche ripiene di piccioni, vento si intrufola nelle fessure di storia, un lavatoio fornito di acqua corrente, cisterna di acqua piovana, parietaria (vetriolo) incolta e ciliegio immenso.
Salendo sulla costola del poggio ad un certo punto spiana sulle ginestre con sulla sinistra stesa la chiara fisionomia soda e irruente di Vertine.
Ancora pochi passi, olivi, erba tagliata di fresco, il grande noce, il gallo dipinto su sasso di Renato Ferretti, il monumento ai caduti con la rondine di Fabio Zacchei derivata da un passo di una poesia di Pascoli in ricordo dei vertinesi colpiti da una vigliacca cannonata tedesca….. e sotto la brace.
Quel calore di legna che cuoce salsicce, quel rosso rubino nei calici le accompagna, quel suono di fisarmonica si libera giocoso fra le frasche degli ulivi, con Giannetto Catinari che intona “Romagna, Romagna miaaaaaaaaaaa”, inno delle piste da ballo e delle aie.

Questa voce è stata pubblicata in Arte e curtura, Chianti Storico, Federica, Fotografie 2015, La porta di Vertine e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

0 risposte a La fisarmonica di Giannetto sotto le stelle degli ulivi di Vertine

  1. Renzo Centri ha detto:

    Riconcilizione con il mondo.
    Anticamera del paradiso,domani non sembra neanche un giorno di lavoro.

    Mi piace

  2. francesca ha detto:

    So bene qual’è lo spirito che anima queste giornate vertinesi che covo fra i pensieri più cari e i ricordi più dolci…. viva la porta di Vertine, quella vera però 🙂

    Mi piace

  3. loredana ha detto:

    Una bella serata anche per i nostri pochi ospiti stranieri che hanno gradito molto tutto:)

    Mi piace

  4. Andrea Pagliantini ha detto:

    Perchè non provare a riproporre lo stesso percorsoa più avanti e nel fine settimana?

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...