“L’olio d’oliva è un merdaio” è il titolo di una mostra dedicata a Luigi Veronelli

“L’olio d’oliva è un merdaio” è il titolo dell’ottava e ultima sezione della mostra  Luigi Veronelli camminare la terra aperta fino al 22 febbraio alla Triennale di Milano.
Sezione che documenta l’ultima grande battaglia che le cronache di questi  giorni confermano essere ancora di grande attualità: sequestrate 2.000 tonnellate di olio in Puglia (fonte Ansa)

Contro questo ignobile mercato, Veronelli eleva alta la voce in aiuto di coloro che «hanno lavorato e lavorano per la qualità e l’onestà. Con i vecchi criteri si potrebbe fare al massimo un olio onesto. Con le tecniche mirate alla qualità  (e non come succedeva “antan” alla quantità) sarà invece possibile fare oli d’eccellenza. L’olio come il vino. L’olivo come la vite».
Nel gennaio 2000 scrive la famosa Lettera ai politici, il 10 marzo 2002 partecipa alla trasmissione Report  “Scusi, lei è vergine?” e nel 2004 occupa il porto di Monopoli, noto come il principale approdo delle navi cisterna che trasportano oli di bassa qualità.

L’olio secondo Veronelli è un vero e proprio Manifesto in progress per una nuova cultura dell’olio d’oliva, condensato in cinque capitoli fitti di indicazioni: non solo un bollino di qualità, ma una scelta filosofica del produttore, per differenziare il proprio olio da quelli sul mercato italiano, in crisi d’identità. Seguendo tutti un identico percorso di trasformazione, completamente nuovo, si rendono trasparenti al consumatore, attraverso l’etichetta, chi sono, cosa producono, come lo trasformano, chi lo trasforma, in che anno, quanto ne viene prodotto, tutti i valori nutrizionali e le componenti (compresi i polifenoli, antiossidanti naturali di alto valore biologico, molto utili all’organismo).

La speranza, tutta veronelliana, portata avanti anche attraverso libri come
Gli oli di Veronelli, dossier (Ex Vinis n.52, marzo aprile 2000), incontri pubblici, è riposta nell’alleanza tra agricoltori, frantoiani e consumatori.
È necessario difendere gli interessi delle piccole e medie aziende artigiane, coniugare gli interessi dell’impresa con la tutela dell’ambiente e difendere – perché compri una bottiglia in piena consapevolezza e paghi il giusto prezzo – il consumatore.

Questa voce è stata pubblicata in Arte e curtura, campino e olio, Chianti Storico, Federica, Fotografie 2015, italians, La porta di Vertine, Porcate e contrassegnata con , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

0 risposte a “L’olio d’oliva è un merdaio” è il titolo di una mostra dedicata a Luigi Veronelli

  1. silvana ha detto:

    L’olio vittima di interessi indicibili? Chissà, certo qualcosa di indicibile ci deve essere se l’olio extravergine non ha messo le ali. Certo di strada ne ha fatta, ma avrebbe potuto farne quanta ne ha fatta il vino. Anche se l’olio non ha in sé quel quid di trasgressivo (e inebriante) che ha il vino. In compenso è benedetto da un’aura che lo fa quasi mistico. E certo un carisma ce l’ha. Non sufficiente a sconfiggere la miniera di soldi che qualche giro produce per quelli che … sono del giro.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...