La menopausa del freddo: fragole, lavanda e rose di novembre

Ci si rimbocca le maniche stando al sole e i giacconi pesi riposano negli armadi coccolati dall’odore delle palline di carbolina.
Fragole, lavanda e rose guardano stupite la malvasia grinzosa che asciuga e appassisce per diventare mosto da vinsanto, unica cosa normale in questo novembre tiepido e colorato illuminato dall’intermittenza di miliardi di lucciole commissionate dagli italiani che hanno voglia di essere persone e non grafici e statistiche degli uffici grigi di Bruxell.

Questa voce è stata pubblicata in campino e olio, Chianti Storico, Federica, fotografie 2014, La porta di Vertine e contrassegnata con , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

0 risposte a La menopausa del freddo: fragole, lavanda e rose di novembre

  1. silvana biasutti ha detto:

    Conosco due versioni del mese di novembre; me le ricordo bene perché il ventitré è l’anniversario del passaggio del mio papà (babbo, per voi di queste parti) altrove. C’è una versione fredda freddissima, addirittura pungente; un’altra invece è – come quest’anno – slavata e tiepida, quasi inquietante -. L’unico vantaggio di quest’ultima è il riscaldamento rigorosamente spento, con i muri-calorifero della mia vecchissima casa che tutt’ora trattengono il (poco) calore della recente, altrettanto slavata, estate. “Eh sì signora mia, le stagioni non sono più quelle di una volta …”, ma stavolta davvero!

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...