Il degrado del cimitero e della chiesa di San Giusto a Balli, Sovicille

Margherita Fontani è un’insegnante di scuola elementare in pensione, una signora che dedica parte del proprio tempo all’accoglienza di persone che vogliono visitare le chiese nei dintorni di Sovicille e trasmettono con passione e competenza lo spicchio di bellezza a chi arriva del luogo in cui vive.

Poco distante alla magnifica Pieve di Ponte allo Spino c’è la Chiesa di San Giusto in Balli con annesso un piccolo cimitero. Sia la Chiesa che il cimitero sono avvolti dalle erbacce e dall’incuria (un tetto franato e una piantacascata davanti al complesso) ed è per questo che la signora Fontani prende carta e penna e scrive una lettera all’arcivescovo di Siena, Antonio Buoncristiani e al sindaco di Sovicille, Giuseppe Gugliotti. Ma a distanza di un mese dalla stesura, ancora non vi è risposta.
Su questo blog si era già parlato un paio di anni fa della zona, segnalando una discarica abusiva a bordo strada, (prontamente rimossa) e la bellezza della Strada di Piscialembita e del Palazzaccio di Toiano fatto a piedi fino a giungere alla chiesetta in questione, già allora, (specie nel cimitero) in non buone condizioni di salute.
Non credo che all’arcivescovo Buoncristiani e al sindaco Gugliotti possa far piacere di passare alla storia per aver assisitito al crollo di un monumento storico come la Chiesa di San Giusto in Balli.

Questa voce è stata pubblicata in Arte e curtura, Federica, fotografie 2014, italians, Porcate e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

0 risposte a Il degrado del cimitero e della chiesa di San Giusto a Balli, Sovicille

  1. Giuseppe Gugliotti ha detto:

    Non mi fa piacere per nulla assistere al degrado di uno dei gioielli del nostro territorio, testimonianza spirituale ed artistica fra le più significative ed eloquenti dell’intera area. Per quanto di competenza comunale, con l’Ufficio Tecnico abbiamo già preventivato di intervenire per sistemare e pulire (l’avevamo detto già anche all’amica Margherita, che comunque ringrazio, come anche voi, per la sensibilità e le costanti sollecitazioni). In merito alla chiesa, mi farò anche io parte attiva presso l’Arcivescovo affinchè si prendano con urgenza provvedimenti.

    Mi piace

  2. Andrea Pagliantini ha detto:

    La ringrazio dell’intervento signor sindaco e sono certo che questa chiesetta tornerà al suo splendore e ad essere fruibile a fedeli o semplici appassionati del bello.
    Tra l’altro questo complesso si trova in un’area che a volerla fare a piedi è a dir poco magnifica.
    La ringrazio e rilancio signor sindaco: ho una certa pratica di ripulitura e ripristino di terreni e fabbricati avvolti dalla vegetazione, per cui fin da ora, se vuole, sarà per me un piacere e un onore offrire lavoro volontario di decespugliatore, forbici, seghetto e pennata per la ripulitura di questo piccolo gioiello.
    Questa la mia mail anticopergolato@alice.it

    Mi piace

  3. Francesca ha detto:

    Giu da noi si dice” nu pacciu pe casa ‘nciole sempre”, che tradotto per il resto del paese vuol dire che per arrivare ad un risultato serve sempre qualcuno che alzi la voce! Bravi!

    Mi piace

  4. Pingback: Ultimo tango a Pievasciata, l’Arcivescovo Buoncristiani, la chiesa di San Giovanni Battista, l’iris giaggiolo fiorito e il frigorifero da bar marca Algida gettato nel bosco | Andrea Pagliantini

  5. daniela ha detto:

    Passo ogni giorno davanti la bellissima chiesa e ormai i cespugli sono gli unici fedeli rimasti …oltre la chiesa anche la casa adiacente dove ha vissuto per anni il parroco in un appartamento e alcune famiglie nel sottostante appartamento sono inaccessibili. …….????? Ci sono tante famiglie che non hanno dove stare nel comune e ed un paese governato da politici di sinistra e quindi maggiormente rivolti al più debole e mi sembra esista una parrocchia dove i Don Camillo sono stati esiliati…..il problema è che nessuno vuole spendere per rendere l’immobile in sicurezza e non esiste nessun reato per i nostri codici civili o penali che possano costringere qualcuno ad assumersi la responsabilità. L’ultimo commento leggo data 23 novembre 2014 e a maggio del 2016 TUTTO TACE e mi sento triste ed impotente

    Mi piace

  6. Andrea Pagliantini ha detto:

    Al 23 marzo, quindi poco meno di un mese e mezzo fa la situazione era questa

    http://andreapagliantini.simplicissimus.it/2016/03/23/lo-stato-della-pieve-di-san-giusto-a-balli-a-sovicille/

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...