Testa Pelata e i suoi discepoli

Non esistevano ancora i registri di carico, come il registro d’impresa, come l’iscrizione a varie entità, ma c’era un bel quantitativo di bottiglie di vino annate varie, acquistate a caro prezzo dalla precedente gestione.

Poi ufficialmente insediato e non più insidiato il mitico condottiero Testa Pelata, queste bottiglie furono letteralmente depredate riempiendo macchinate intere da lui e dai suoi discepoli, salvo una modica quantità, ceduta a prezzo promozionale ad una Associazione Culturale che usava quel vino per  cene sociali.
Bottiglie pagate immediatamente ad ogni fornitura dall’Associazione Culturale, dando i soldi al grande commercialista Testa Pelata e guarda caso, tanto per non smentirsi, soldi mai rinvenuti dall’azienda.

Adesso qualcuno deve essersi accorto del buco fra i registri di commercializzazione, le bottiglie caricate a bilancio con il prezzo di acquisto e la realtà delle cose che certifica un depredamento.
La genialata sta nell’aver inviato fresca  nota delle bottiglie mancanti all’Associazione Culturale su un foglio semplice, un modo per scaricare colpe e forse coscienze di fronte alla proprietà, purtroppo vittima di Testa Pelata e i suoi discepoli.

Peccato le pezze e le toppe siano sempre peggio delle sdruciture e la sparizone di tante bottiglie porterà a siparietti divertenti che non mancheremo di raccontare, mentre si persevera nell’essere privi di scrupoli, stile, onestà, garbo, amor proprio essendo essenzialmente soprattutto parecchio bischeriiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiii.

Poveri Howard e Marion in che mani vi siete messi.

Questa voce è stata pubblicata in Storie di Testa Pelata. Contrassegna il permalink.

0 risposte a Testa Pelata e i suoi discepoli

  1. Paola ha detto:

    Sai che novità il testa pelata si infila soldi in tasca che non sono suoi e mette nei casini la gente.
    Però è facile ora scaricare tutte le colpe su di lui, di amici degli amici ne aveva sempre tanti intorno e parecchi di loro galleggiano ancora e non è che siano meglio di lui.

    "Mi piace"

  2. al ha detto:

    Storia già risentita 🙂

    "Mi piace"

  3. Ric ha detto:

    Tutta questa gente si sente assediata su ogni fronte e se della faccia non gli importa niente, questo non vuole dire siano disposti a mollare il forziere andando poco con le spicce con gli ostacoli possono incontrare.
    Quindi sempre occhi e orecchie aperte perchè dalla voglia di pigliare c’è da aspettarsi sempre qualche manovra balorda fatta per screditare e rivoltare come stanno le cose.
    Rientra nei giochi, ma poi bisogna vedere se gli riesce……..

    "Mi piace"

  4. simone ha detto:

    Vanno scrivendo e dicendo ad operatori e comunicatori del settore vino di essere vittime di un blog che ce l’ha con loro cogliendo l’opportunità di fare doppiamente figura da bischeri dato che un’operatore e un comunicatore serio degusta con la sua testa senza farsi condizionare e poi le cose narrate sono sotto gli occhi di tutti.
    Quindi doppiamente bischeri per non arrivare a dire cose peggiori.

    "Mi piace"

  5. Andrea Pagliantini ha detto:

    Post di una tristezza assoluta, lo confesso.
    Umanamente pietoso e spregevole il voler pigliare e arraffare e una volta scoperti voler fare le vittime e dire sia una congiura di gente vuole male o addirittura attraverso un blog di uno che è, e era una nullità bischera che se non ricordo male a suo tempo “fu trattato come un albanese” che non valeva niente e “come tale andava distrutto”, schiacciato in ostacolo come era al forziere dell’oro.

    http://andreapagliantini.simplicissimus.it/2008/09/10/

    Sintomo che forse i soldi non possono tutto e la natura dopo tanto infierire e offenderla alla fine si ribella.
    Come è giusto che sia.
    Bischeri.

    "Mi piace"

  6. incazzata ha detto:

    Arrivare affidandosi alla peggior feccia del luogo e sgomitare, minacciare, disfare, demolire, seppellire, intorbidare con l’arroganza delle spalle coperte dai tanti, tanti soldi elargiti che la gente non capiva (capisce) più niente specie il rispeto delle regole è normale?
    Avrebbero straziato a colpi di cingolo e arroganza chiunque si fosse messo sul loro cammino e ora fanno le verginelle per un blogghe che narra storielle.
    Ma chi è l’appestato, chi ne parla o chi esegue davvero parecchie azioni di bassa cialtronaggine pelata con i suoi discepoli nello scarso rispetto delle regole?
    Lo stronzo è chi ne parla per il popolino, non chi si riempie le tasche senza scrupolo aspettando e sperando un contentino arrivi a soddisfare l’organo più sensibile: il portafogli comunque arrivino.

    "Mi piace"

  7. Andrea Pagliantini ha detto:

    Io non ci starei a perdere il sonno, potenti molto più potenti quando vengono beccati per tangenti, corruzione, abusi edilizi, sottrazioni ecc. ecc danno la colpa ai magistrati o ai giornalisti raccontano le vicende, funziona così….. sono tutti verginelle.

    "Mi piace"

  8. paul ha detto:

    ha fatto bene chiunque l’avrebbe fatto avendone la possibilita e son sicuro che lo avresti fatto anche te d’altra parte chi si è fatto fregare è un coglione cazzi suoi

    "Mi piace"

  9. Andrea Pagliantini ha detto:

    Paul, il gusto è una questione opinabile, c’è chi apprezza il vin santo del nonno chi quello di caratello.
    Come c’è chi prefersice essere coglione che Testa Pelata.

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...