Nebbia d’ulivastro

Un primo inizio di forbici applicate alla forma, all’estetica e al riassetto degli ulivi per riprendere la mano, ma soprattutto per rimettere in moto quei disegni nel turchese del cielo di spifferi, forme e sagome che solo il vento aretino sa arrotondare, nel momento in cui si accendono i monti di tagli, talli e legni inutili, con il fumo aromatico, si fa trasportare.

Questa voce è stata pubblicata in Arte e curtura, Chianti Storico, Federica, Fotografie 2022, La porta di Vertine e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...